Il mese di ottobre parte con un reportage: alla Legnotech di Tirano, Sonia Maritan e Pietro Ferrari realizzano un servizio sulla nuova Essetre Techno Progress, ormai in piena attività nello stabilimento.

Al Biesse Inside dell’ottobre 2019, Pietro Ferrari partecipa alla conferenza stampa e alla visita guidata alle nuove tecnologie. Con oltre 3mila presenze il grande incontro tecnico pesarese ha illustrato il percorso che porta a SmartAction, una filolsofia che si differenzia da AutomAction poiché rivolto all’azienda che intende affacciarsi per la prima volta alla digitalizzazione: esso rende possibile la creazione di una fabbrica compatta, connessa e accessibile offrendo tale opportunità alla piccola e media impresa che desidera diventare più competitiva sul mercato.

L’appuntamento con il Politecnico di Milano ci porta a interloquire con il professor Conte che ci presenta il Corso di Design Tessile nella sua declinazione relativa alla maglieria: è la conferma di come il Politecnico milanese sia tra i campioni assoluti di quella continuità tra scuola e lavoro che costituisce un asset fondamentale per la crescita dell’industria italiana nei differenti settori.

Ma la settimana centrale di ottobre è quella di Sicam: l’appuntamento pordenonese satura e monopolizza lo spazio e il tempo della componentistica per il mobile. Ferramenta, componenti, finiture e vernici, carte decorative e laminati si propongono in maniera sempre più convinta e fanno di questo evento il palcoscenico ideale per il settore. Anche per questa edizione sono state più di 8mila le aziende in visita al Salone a creare business per le oltre seicento aziende che, nei dieci padiglioni con 16.500 metri quadrati di stand allestiti, hanno portato in esposizione i prodotti di tecnologia e design al più alto livello mondiale. 

Molto elevato si è confermato ancora una volta il tasso di internazionalità della manifestazione: il 27% delle aziende espositrici in fiera è arrivato da 32 Paesi esteri, mentre per quanto riguarda i visitatori il 69% è giunto dall’Italia e il 31% dall’estero da 109 Paesi. Anche per questa edizione sono state più di 8.000 le aziende in visita al Salone a creare business per le oltre seicento aziende che, nei dieci padiglioni con 16.500 mq di stand allestiti, hanno portato in esposizione i prodotti di tecnologia e design al più alto livello mondiale. Germania e Cina i Paesi maggiormente rappresentati in visita, due mercati a vario titolo leader internazionali nella produzione di mobili per le differenti fasce di mercato. Grande afflusso anche dai Paesi del Centro ed Est europeo, Russia e Ucraina in testa a tutti; e forte incremento ancora dal Nord Africa e Paesi del Medio e Estremo Oriente, dall’Iran in particolare.

Il tema dell’alta tecnologia è da qualche numero sempre più centrale su L’Industria del Mobile: in questo numero Daniel Loddenkemper di Homag e Mario Caspani con Luciano Giordano di Homag Italia ci raccontano di Tapio e dintorni, le risposte del grande Gruppo tedesco alla sfida della fabbrica del futuro. Un saluto va al grande amico Giovanni Gregori che a fine anno lascia il suo impegno in Leitz, dopo aver percorso un cammino di eccellenza in un percorso che l’ha visto esplorare tutti i campi della lavorazione del legno, dalla segheria al serramento, dal mobile alle costruzioni in legno. Sonia Maritan e Pietro Ferrari lo incontrano con la sua collaboratrice Viviana Ferrario a Mariano Comense per un saluto, ma anche per mettere a punto la sua intervista-biografia che uscirà su Sistema Serramento.


Si conclude un mese intenso con un reportage che Sonia Maritan e Pietro Ferrari realizzano presso la ditta Foresti dove tre macchine Hundegger realizzano una produzione di grande versatilità sia per il residenziale, sia per il pubblico.