Le potenzialità del legno tra tradizione e contemporaneità.

Autosufficiente energeticamente, la nuova casa della famiglia Rubner è l’esempio perfetto del nuovo concept Studio, caratterizzato da una fortissima personalizzazione e da soluzioni architettoniche all’avanguardia

Credits: Gustav Willeit

A Chienes, nella bassa Val Pusteria, terra delle Tre Cime di Lavaredo, luogo in cui è radicato il mondo Rubner fatto di passione per il legno e impegno per la sostenibilità, è stata realizzata da Rubner Haus la nuova casa della famiglia Rubner su progetto dell’Arch. Stefan Hitthaler, a seguito di un concorso privato a inviti, e secondo i canoni del nuovo concept Studio, caratterizzato da un focus a tutto tondo su personalizzazione e scelte architettoniche di frontiera.

“Gli spunti che hanno ispirato questo ambizioso progetto sono stati diversi – racconta l’Arch. Stefan Hitthaler – Innanzitutto le caratteristiche del terreno che dolcemente si apre su una piccola valle, da cui è nata l’idea di realizzare un’abitazione che ne seguisse la conformazione aprendosi verso ovest, dove il paesaggio è imponente; e poi il desiderio di costruire un edificio dal minimo impatto ambientale, che fosse quindi autosufficiente dal punto di vista energetico grazie all’utilizzo di un sistema geotermico. Sotto i nostri piedi abbiamo infatti una quantità di energia inesauribile, gratuita, rinnovabile, ecocompatibile e a disposizione 365 giorni l’anno. A partire da una profondità di 10 metri il sottosuolo presenta una temperatura costante per tutto l’arco dell’anno. La geotermia sfrutta questo calore “gratuito” estraendolo dal sottosuolo tramite una sonda geotermica e cedendolo a una pompa di calore che lo incrementa ulteriormente e lo distribuisce all’edificio. Lo stesso processo, ma inverso, avviene durante il periodo estivo per raffrescare i locali. Durante tutto l’anno si riesce quindi a produrre contemporaneamente riscaldamento, raffrescamento e acqua calda per coprire l’intero fabbisogno dell’edificio.”

Credits: Stefano Scatà

L’abitazione, di 260m² sviluppati su 3 livelli, ha un volume orizzontale che si inserisce in maniera naturale nel contesto ambientale, il maso della famiglia Rubner che comprende un suggestivo specchio d’acqua, una scuderia e diverse stalle. Da queste, un piccolo viottolo conduce al piano interrato della casa, contraddistinto da un’ampia sala da pranzo con cucina, un bagno, e l’acetaia dove viene lavorato l’aceto balsamico di produzione propria. Il piano intermedio, con zona living dotata di una spaziosa cucina, soggiorno panoramico e bagno, e quello superiore, dedicato alla zona notte con 4 camere da letto e 2 bagni, sono uniti da una singolare scala in legno: ogni gradino è una struttura indipendente che non poggia, come nelle scale tradizionali, su un elemento verticale di giunzione, e sembra così fuoriuscire dalla parete stessa per entrare nella lastra di vetro che ne delimita lo spazio al lato opposto.

Credits: Stefano Scatà

In ogni ambiente della casa sono presenti ampie vetrate che incorniciano il naturale scenario circostante, rendendolo il vero protagonista di ogni stanza e creando un dialogo continuo tra esterno e interno. In particolare, le camere da letto sono caratterizzate da una forma distintiva che sporge dalla struttura base e che sembra quasi avere le sembianze di cannocchiali rivolti verso il panorama su cui si affaccia attraverso speciali balconi coperti, delle piccole suite da cui contemplare l’imponenza delle Dolomiti in una piacevole atmosfera intima e di relax.

“La sfida era creare un ambiente accogliente e caloroso che allo stesso tempo fosse essenziale e coerente con lo stile lineare dell’architettura esterna– racconta Barbara Mayr, interior designer – Unito, inoltre, alla volontà di realizzare un arredamento completamente personalizzato. Ecco perché abbiamo scelto di utilizzare materiali scuri che riuscissero a far risaltare la spaziosità e la luminosità caratteristiche di ogni ambiente, come la pietra oleata, il legno invecchiato e i mobili laccati esternamente.”

Credits: Gustav Willeit

“Questo progetto mostra in modo esemplare l’attitudine di un materiale millenario come il legno, nel soddisfare anche le richieste più complesse e nell’adattarsi a forme architettoniche moderne e alle più innovative strategie e tecnologie di bio-costruzione – spiega l’Ingegnere Daniel Gasser, Responsabile Sviluppo Prodotto Rubner Haus – Per il primo piano abbiamo realizzato una struttura completamente in legno, con 4 sbalzi che non necessitano di alcun tipo di appoggio: le travi di legno lamellare, poste all’interno delle pareti, assolvono a una funzione strutturale di sostegno della superficie sporgente. Il legno ha fatto grandi passi avanti negli ultimi decenni nel mondo delle costruzioni, infatti le performance sono ormai analoghe a quelle di acciaio o cemento con un peso della struttura (circa il 75% in meno rispetto al cemento armato, per esempio) e un consumo di energia durante produzione e lavorazione significativamente inferiori.” 

Gruppo Rubner
Nato a Chienes, in provincia di Bolzano, da una segheria ad acqua, il Gruppo Rubner, che nel 2017 ha fatturato 316M di €, impiega circa 1300 persone, conta oltre 20 società, ha stabilimenti in Italia, Austria, Germania e Francia e il 55% dei ricavi lo sviluppa oltre i confini nazionali. I prodotti spaziano da case e porte sino alla progettazione e realizzazione di grandi opere strutturali realizzate in legno lamellare come edifici multipiano, scuole, capannoni, stabilimenti industriali e uffici, centri commerciali, centri congressi, palestre, stadi, depositi e magazzini, hotel. Le aziende del Gruppo Rubner coprono tutta la filiera produttiva: dall’industria del legno in cui sono attive RHI (Rubner Holzindustrie RHI), realtà specializzata nella produzione di segati e semilavorati in abete; NORDPAN che produce e commercializza pannelli in legno massiccio di elevata qualità, monostrato e multistrato e nelle più vaste dimensioni e qualità; alle strutture in legno dove RUBNER HOLZBAU rappresenta il settore più dinamico e tecnologicamente avanzato del gruppo dedicato alla realizzazione di grandi costruzioni in legno lamellare dalle caratteristiche innovative o particolarmente sofisticate; dai grandi progetti ‘chiavi in mano’ in cui RUBNER OBJEKTBAU è il General Contractor del Gruppo a cui viene affidata la progettazione e la costruzione di commesse complesse; alle case in legno dove RUBNER HAUS ha realizzato più di 25.000 edifici e oggi è l’unica azienda europea capace di offrire 3 differenti soluzioni costruttive: Blockhaus per case in legno massiccio, Telaio, sistema costruttivo ad intelaiatura di legno, Casablanca per case in legno massiccio intonacato; e alle case in puro legno grazie alla tecnica brevettata da holzius che consente di realizzare pareti e solai in legno senza l’impiego di colla e parti. Infine, le porte in legno in cui RUBNER PORTE si è guadagnata la fama di specialista nella produzione di porte di grande pregio per interni ed esterni ‘su misura’.