Ogni due anni interzum presenta innovazioni che saranno il punto di riferimento per la creazione degli spazi abitativi di domani. Dal 21 al 24 maggio 2019 il più grande evento al mondo per il settore delle subforniture proporrà un quadro delle ultime evoluzioni e dei nuovi trend in tema di abitare e arredamento. Gli espositori internazionali presenteranno i nuovi materiali e le funzioni che nei prossimi anni influenzeranno in modo determinante produzione di mobili e interior design. Nei tre segmenti della fiera “Materials & Nature”, “Function & Components” e “Textile & Machinery” il focus sarà puntato su superfici innovative, materiali sostenibili e nuove tecnologie. Le presentazioni degli espositori rispecchieranno anche i megatrend globali, quali digitalizzazione, individualizzazione, mobilità e urbanizzazione. Uno sguardo a trend e novità della prossima edizione di interzum.

Tecnica ed emozione: la varietà delle superfici

Materialità e superfici acquistano sempre maggiore importanza, come dimostrerà anche la prossima interzum. Al giorno d’oggi molti consumatori esigono un ambiente abitativo attraente e personalizzato che sia anche recepito come tale. Grazie a finiture superficiali gradevoli i produttori di mobili possono guadagnare punti sul mercato. I trend del design sono determinati sia dagli sviluppi tecniche che da elementi emozionali. Super opaco, extra lucido o personalizzato: la varietà di nuovi decori e superfici in esposizione a interzum è quasi infinita. Tutto ciò è reso possibile da combinazioni e materiali nuovi o riscoperti, ma anche da metodi di produzione innovativi. La stampa digitale consente disegni unici, mentre gli effetti soft touch e anti fingerprint promettono sensazioni tattili e visive piacevoli e durevoli. Gli espositori di questo segmento proporranno non solo un’estrema varietà del design, ma anche molteplici caratteristiche funzionali.

Riproduzioni naturali: vista e tatto sono posti sullo stesso piano

Nel caso delle superfici rivestite le preferenze si indirizzano ancora verso la riproduzione di un materiale; così per esempio l’imitazione delle più diverse varietà di legno si conferma un trend stabile che emerge ancora in diverse declinazioni. “Abbiamo notato che i trend si muovono in varie direzioni”, constata Klaus Monhoff, direttore management decori e design del gruppo Egger. L’azienda risponde all’odierna richiesta di legni rustici e decisi con una nuova superficie sincroporo con effetto legno invecchiato. Per interzum 2019 il programma di Stainer, azienda specializzata in serigrafia e stampa digitale, prevede ampi decori in legno. Le lastre di sei metri per due a imitazione di varie specie di latifoglie possono essere montate a parete e a pavimento. Nel campo delle riproduzioni digitali cresce inoltre l’influsso delle superfici opache con metallic look. Il laminato Viscora® Supermatt metallic coloured dell’espositore austriaco Hueck Folien funge da esempio per una nuova superficie di Egger che si rifa, sia a livello visivo che tattile, a un metallo spazzolato.

Un focus particolare su materiali e componenti ecologici

Il tema sostenibilità si conferma megatrend globale e sfida quanto mai attuale e futura per il settore dell’arredamento. In riferimento all’abitare i consumatori oggi tendono a progettare le proprie quattro mura riducendo il più possibile l’uso di sostanze nocive e al contempo ottimizzando l’impronta ecologica. Numerosi espositori della prossima interzum porranno quindi un accento particolare su materiali e componenti ecologici. Con “BE.YOND” Swiss Krono, azienda di lavorazione del legno, presenterà per esempio il primo pannello di truciolato al mondo su base bio che soddisfa i più severi requisiti in material di qualità dell’aria ambiente. Il materiale legno, rigenerabile e CO2 neutrale, svolge un ruolo cruciale soprattutto per le strutture leggere e la produzione di mobili. La lastra in materiale leggero “aerowood®”, lanciata da Sperrholzwerk Schweitzer, Austria, è particolarmente leggera, può essere realizzata nelle forme desiderate e favorisce il risparmio delle risorse. Al motto “Nature is here” anche Proadec presenterà in fiera un prodotto estremamente ecologico grazie a un nuovo metodo di incollaggio degli spigoli. Un ulteriore tema sono le bioplastiche, come per esempio quelle proposte per la ferramenta dall’espositore svedese Ackurat o anche utilizzate in un nuovo prodotto dell’azienda Oskar Lehmann, che realizza anche canaline per cavi per scrivanie. L’azienda austriaca Organoid dimostrerà presso il proprio stand come la sostenibilità possa essere molto creativa: superfici naturali in fieno e muschio brilleranno grazie alle pietre di zirconio riciclate di Swarovski.

Soluzioni flessibili: la personalizzazione diventa standard

Anche il megatrend personalizzazione attraverserà come un filo rosso le presentazioni della prossima interzum. Il desiderio di soluzioni il più possibile individuali plasma in modo determinante le aspettative nei confronti del vivere e dell’abitare. Molti espositori presenteranno quindi delle novità che consentono di adeguare l’arredamento alle aspirazioni personali. La nuova collezione “Innovus” dell’azienda portoghese di produzione di materiali lignei Sonae Arauco promette per esempio grande libertà creativa. Con cinque nuove superfici e circa 100 nuovi decori essa propone infinite possibilità di utilizzo e combinazione. Altrettanto varia è anche la collezione Marino della spagnola ServiCanto, con cui si possono combinare vari generi di superfici. La novità dell’italiana Alpi si distingue per la sua personale interpretazione delle superfici lignee classiche. Nella collezione di impiallacciati “Gamperana Triplex”, creata in collaborazione con il designer Martino Gamper, i fogli da impiallacciatura non vengono disposti singolarmente ma a gruppi di tre, dando vita a composizioni originali. Praveedh Décor da Mumbai, India, punta invece sull’ampliamento della gamma cromatica delle lastre in acrilico: il nuovo prodotto “OpuLux Fantasy” è realizzabile nella colorazione desiderata dal cliente.

Una nuova apertura: collegamento di mondi abitativi

Già da qualche tempo si va dissolvendo la separazione fra i vari spazi abitativi. Le transizioni si fanno fluide e ciò impatta su impianti, serramenti e luci. Molti espositori di interzum 2019 suggeriranno quindi elementi di progettazione caratterizzati da una notevole flessibilità, che consentono un’architettura più continua. Così per esempio il nuovo sistema “Schüco Openstyle” offre la possibilità di collegare o suddividere gli ambienti a seconda delle esigenze e delle circostanze. Al motto “OpenUp” anche Vauth-Sagel, lo specialista dei mobili contenitori, proclama una nuova apertura e in fiera lancerà per la prima volta soluzioni per tutti gli ambienti. Anche Hettich, produttore di accessori funzionali, aderisce al trend della flessibilità: “Noi semplifichiamo la varietà”, sottolinea Uwe Kreidel, amministratore dell’azienda che in fiera presenterà anche delle novità multifunzionali per diverse applicazioni abitative.

L’arte di scomparire: componenti invisibili

Mentre i mobili diventano più flessibili e multifunzionali, crescono le aspettative nei confronti del design delle soluzioni tecniche. “Noi riteniamo che un sistema di movimentazione debba rivalutare il design generale di un mobile”, afferma Albert Trebo, direttore marketing e vendite di Grass, Austria. In questo contesto la miniaturizzazione di ferramenta e componenti, come comandi o luci, riveste sempre una notevole importanza. A interzum Kesseböhmer presenterà delle nuove cerniere a ribalta che si differenziano in modo marcato dalle soluzioni tradizionali per dimensioni, design e funzionamento. Anche Hera, produttore di sistemi di illuminazione, punta decisamente sulla miniaturizzazione delle luci, affinché possano venire integrate nei mobili risultando quasi invisibili. Alla prossima edizione di interzum la startup di Herford Ambigence vorrebbe proporre una categoria inedita che si rifa al principio che la fiancata del mobile e la ferramenta non saranno più considerate due elementi distinti, ma saranno ricondotti all’unità. Secondo Norbert Poppenborg, Director Marketing & Business Development, “Il mobile si affranca dalle limitazioni imposte dalla ferramenta e lo spazio all’interno del pannello viene utilizzato per integrare le funzioni”.

Micro Living: più comfort in meno spazio

Un altro tema globale affrontato da molti espositori della prossima interzum è la crescente urbanizzazione. Sempre più persone si trasferiscono nelle città e, soprattutto nelle metropoli, lo spazio abitativo cala di dimensioni e cresce di prezzo. Questo sviluppo esige uno sfruttamento ottimale delle superfici disponibili e degli accessori che consentano di ricavare più spazio al metro quadrato. Ne sono un esempio le soluzioni intelligenti di Kesseböhmer come “urban smart kitchen”. “L’obbiettivo della collezione è sfruttare in modo ottimale i piccoli spazi a disposizione grazie ad accessori intelligenti e smart, garantendo una visione e un accesso confortevoli al contenuto; come optional è disponibile anche il comando vocale”, illustra Burkhard Schreiber, amministratore. In fiera un’area speciale sarà dedicata al potenziale di sviluppo degli ambienti ristretti: sulla piazza “Tiny Spaces – Living in compact homes” vari espositori presenteranno nuove proposte e soluzioni. Il martedì della fiera l’archistar Yasemine Mahmoudieh illustrerà inoltre al pubblico interessato nel corso di una conferenza le proprie esperienze in materia di aspettative future nei confronti dei Tiny Spaces.

Produzione di materassi: più efficienza a vantaggio di un maggior comfort del sonno

La varietà cresce anche nel mondo dei materassi, dove i metodi di lavorazione sono sempre più innovativi e perfetti. I leader del settore si devono quindi presentare al meglio. Molti espositori di interzum puntano sull’efficienza della produzione e dei nuovi metodi a garanzia di un maggior comfort del sonno. Sul mercato europeo Schreiner Machine Service (SMS) rappresenta varie aziende produttrici e per la fiera annuncia una novità mondiale per la produzione di molle. I clienti potranno così realizzare materiali innovativi tagliando al contempo i costi di produzione. Anche Brother, lo specialista delle soluzioni di cucitura automatizzate che lancerà in fiera il modello BAS-370H, punta su questo genere di ottimizzazione. Nel caso di estese superfici di cucitura il sistema automatico a programmazione libera consente di risparmiare spazio in produzione e garantisce una cucitura veloce. Anche la spagnola Visdeltex si muove in una direzione simile con un nuovo sistema per l’imbottitura automatica e rapida di top per letti e boxspring.

interzum 2019: la piattaforma delle nuove idee

In passato proprio l’industria delle suborniture ha dimostrato più volte come le innovazioni influenzino il mercato e allo stesso tempo le aspettative nei confronti dell’ambiente abitativo. Le novità della prossima interzum determineranno anche quali materiali, superfici e tecnologie definiranno la progettazione dei mondi dell’arredo futuri. È quindi lecito nutrire curiosità per le ultime idee e soluzioni proposte dagli espositori.

Koelnmesse – Global Competence in Furniture, Interiors and Design: Koelnmesse è l’organizzatore di fiere leader a livello internazionale per quanto riguarda i temi arredare, abitare e vivere. La piazza fieristica di Colonia annovera la fiera leader imm cologne nonché i formati espositivi LivingKitchen, ORGATEC, spoga+gafa, interzum e Kind + Jugend fra i punti d’incontro fissi di rango mondiale per gli operatori dei settori. Queste fiere raffigurano in modo complessivo i segmenti mobili imbottiti e contenitori, cucine, mobili da ufficio e per esterni, nonché le innovazioni dell’industria fornitrice del mobile. Negli anni passati Koelnmesse ha arricchito in modo mirato il proprio portafoglio con fiere internazionali nei mercati che stanno attraversando un boom economico. Fra questi vi sono idd Shanghai,  interzum guangzhou a Guangzhou e Pueri Expo a San Paolo del Brasile. Con ambista, il portale internet del network del settore dell’arredamento, Koelnmesse offre lungo tutto il corso dell’anno un accesso diretto a prodotti, contatti, competenze ed eventi principali.

interzum su Facebook:

https://www.facebook.com/interzum

www.koelnmesse.de