Procedono con il vento in poppa i preparativi per la prossima edizione di interzum, il grande evento mondiale delle forniture, i componenti, i semilavorati per l’industria del mobile che si terrà a Colonia dal 21 al 24 maggio prossimo. Le prime valutazioni, a “early booking” concluso, permettono di guardare a una edizione che potrebbe stabilire nuovi record nella storia della rassegna che, non dimentichiamolo, è il più grande evento mondiale per le imprese dei settori rappresentati in fiera.

“Sarà indubbiamente una grande opportunità per cogliere, come sempre accade, quali sono i trend a livello di funzionalità e di estetica del mobile che vedremo nei prossimi mesi”, ha commentato Thomas Rosolia, amministratore delegato di Koelnmesse Italia. “L’anno prossimo aspettiamo qualcosa come 1.800 espositori, il che significa che nel giro di due edizioni abbiamo aumentato il numero delle imprese presenti di circa 300 unità. E l’Italia fa la propria parte, con 340 aziende che saranno nel maggio 2019 a Colonia, una trentina delle quali per la prima volta. Siamo soddisfatti anche della scelta di 35 aziende di essere presenti nelle quattro collettive che organizziamo come Koelnmesse Italia nei segmenti “Function & Components”, nei padiglioni 5.1 e 8, e “Materials & Nature”, nei padiglioni 6 e 10.2”.

L’Italia, come spesso accade, in pole position anche a interzum 2019, evento che si conferma la vetrina per eccellenza dell’innovazione, dello sviluppo tecnologico dei materiali e dei prodotti; un appeal indiscutibile, che non mancherà di richiamare in riva al Reno decine di migliaia di visitatori, attratti anche da alcuni temi che caratterizzeranno l’edizione. Dai sempre più “coinvolgenti” argomenti della digitalizzazione dei prodotti e dei processi, al migliore utilizzo delle risorse, dalla sostenibilità a tutto ciò che potrebbe rivelarsi di grande utilità nelle case di piccole dimensioni. La vitalità di Interzum è indubbiamente ribadita anche dall’elevato numero di imprese che, come per la compagine italiana, esporranno a Colonia per la prima volta: ben il 14 per cento delle aziende che hanno prenotato uno spazio faranno il proprio debutto, realtà meno note ma anche “grandi nomi” come Abet Laminati, Multiprofil, Richter Akustik, Yildiz Entegre, Lightweight solutions o Leggett & Platt’s Work Furniture Group.
Tornano anche per il 2019 le “Piazze”, veri propri hub tematici che raccolgono e propongono idee e novità attorno a specifici temi. Questa volta saranno di scena gli allestimenti “Mobile Spaces” (padiglione 10.1), “Surfaces & Wood Design” (padiglione 6), “Disruptive Materials” (padiglione 4.2), “Digitalisation” (padiglione 3.2), “Digital Printing”, (sempre al padiglione 3.2) e “Tiny Spaces”, negli spazi del Boulevard Nord.

GLI ADESIVI A INTERZUM

Se c’è un elemento che gioca un ruolo di particolare importanza in molti dei prodotti che sono al centro di interzum sono proprio gli adesivi. Non è un caso, dunque, che gli organizzatori abbiano deciso di creare un nuovo “segmento forte” in seno all’evento, raccogliendo le sollecitazioni di molti espositori. Realtà come Alfa Klebstoffe/Simalfa, Everad Adhesives, le “new entry” italiane Collanti Concorde e GMC Costruzioni Meccaniche, Jowat, Kimyapsan Kimya, Quin Global, Robatech, Saba Adhesives & Sealants, Sefa Kimya, Wakol, Xchem International, Zaklady Chemiczne Bochem e Zelu Chemie saranno a Colonia, alcune di loro preferendo le rive del Reno ad altre manifestazioni che si tengono in Germania nello stesso periodo. E ci sono le italiane Frabo Adesivi, Mastek e Savaré che anche quest’anno non perderanno l’occasione di essere a Colonia.

Una scelta – il maggior rilievo al mondo degli adesivi – che sottolinea la vicinanza di questi materiali al “prodotto finito” nelle sue componenti più caratterizzanti, mobili e arredi che coinvolgono sempre più materiali diversi, che hanno forme e funzioni che impongono l’uso di collanti con prestazioni nemmeno immaginabili in passato. Ecco, dunque, che Interzum diventa una vetrina fortemente stimolante, il luogo dove dare vita a un confronto più efficace fra rivestimenti, colle, decori, finiture; dove parlare di adesivi dalle altissime prestazioni, in linea con le attese sempre più sfidanti del consumatore finale e con arredi che sempre più spesso sono collocate in ambienti nei quali non si era abituati a vederli, come ad esempio la cucina o perfino nelle “sale da bagno”…

Insomma, adesivi come parte integrante di un concetto più grande di qualità ma anche di salubrità degli ambienti, come possibilità di sperimentare nuovi modi di costruire, di garantire nuove potenzialità e possibilità di utilizzo…

“TEXTILE & MACHINERY”

Da sempre interzum è la capitale assoluta per questo segmento, l’unico evento di caratura mondiale a dedicare grande spazio e attenzione alle tecnologie e alle forniture per il tessile, l’imbottitura, il materasso… Grande attesa per gli spazi dei padiglioni 10.1, dove una serie di produttori di tecnologie per la produzione dei materassi troveranno una nuova e più ampia collocazione. Un nuovo lay-out nel quale hanno creduto grosse realtà italiane come Dueffe e Gruppo Grassi, insieme ad alcuni altri market leader internazionali del calibro di Amelco, Macau, Matsushita, MPT Group, Springform, Umit Makina o Zhejiag Shaoxing Huajian.

Nel 2019, dunque, saranno quattro i padiglioni dedicati a questo settore, il 9, il 10.1, l’11.1 e l’11.2, nei quali sarà possibile trovare tutto ciò che concerne la produzione di materassi e imbottiti, dai rivestimenti alle molle, dalle strutture ai poliuretani, dalla piuma alla passamaneria…

I prossimi appuntamenti:

LivingKitchen – The international Kitchen Show, Colonia 14.01. – 20.01.2019

imm cologne, Colonia 14.01. – 20.01.2019

interzum guangzhou, Guangzhou 28.03. – 31.03.2019

interzum, Colonia 21.05. – 24.05.2019

www.koelnmesse.it/interzum