… certamente il dato più eclatante è proprio quello degli operatori che hanno deciso di visitare, fra il 21 e il 24 maggio scorso, l’edizione 2019 di Interzum, la grande fiera internazionale delle forniture, dei componenti, dei materiali per l’industria dell’arredo. Sono stati infatti ben 74mila i visitatori arrivati a Colonia, di cui il 75 per cento da oltre confine, segnando dunque un record anche sul versante della internazionalità e non solo della quantità. Ad attenderli 1.805 espositori da 60 nazioni (furono 1.732 da 59 Paesi per l’edizione 2017, ben il 28 per cento in più rispetto al 2015), fra i quali un’ottima “quota” di italiani: 330 che hanno occupato 22.176 metri quadrati, quasi la stessa superficie della squadra di casa, le 356 imprese tedesche, che ne hanno occupati 26.378.

Thomas Rosolia, amministratore delegato di Koelnmesse Italia

“Stiamo parlando del record assoluto per la partecipazione italiana”, ha commentato un Thomas Rosolia, amministratore delegato di Koelnmesse Italia, evidentemente soddisfatto. “Un risultato che non ci ha sorpreso, perché nasce dal continuo e intenso rapporto di autentica partnership che abbiamo con le imprese italiane per tutte le nostre fiere. Indubbiamente Interzum è uno dei nostri fiori all’occhiello e riscuotere un tale consenso è certamente motivo di orgoglio, soprattutto se pensiamo che abbiamo riservato circa duemila metri quadrati in più rispetto al 2017, il doppio di quanto avevamo fatto nel 2007, solo dodici anni fa…”. “E siamo anche molto soddisfatti del risultato delle nostre quattro collettive – organizzate nei segmenti “Function & Components”, nei padiglioni 5.1 e 8, e “Materials & Nature”, nei padiglioni 6 e 10.2 – cresciute in modo importante negli ultimi anni e sempre molto apprezzate da chi vi partecipa”, ha concluso Rosolia.

Da sottolineare che al terzo posto nella classifica per Paesi espositori si colloca la Turchia, con “soli” 8.263 metri quadrati per 164 aziende, dunque con un notevole distacco da Germania e Italia che, come è noto, rappresentano quanto di meglio i mondi raccolti in Interzum sanno e possono raccontare.

Sul versante dei visitatori vale la pena di ricordare la forte crescita (più 22 per cento) degli arrivi dall’Asia e dalla Cina in particolare, da dove sono giunti a Colonia ben il 48 per cento di visitatori in più rispetto alla precedente edizione. In aumento anche gli arrivi dall’America centrale e meridionale (più 24 per cento), dall’Europa dell’Est (più 21 per cento) e dal Nord America (più 7 per cento).

IN FIERA

Come sempre di alto livello gli stand delle aziende espositrici, che sanno quanto da questo palcoscenico si guardi al mondo intero e, dunque, sia più importante che altrove mostrarsi nel miglior modo possibile. Indiscutibile la qualità e la quantità di idee, prodotti e proposte esposte in riva al Reno, in una rassegna che non è più solo il luogo dove ricercare nuovi fornitori o valutare nuove soluzioni per arricchire gli aspetti formali o prestazionali dei propri prodotti, ma una sorta di “arena” nella quale toccare con mano quali potranno essere i trend, le tendenze, le strade che l’arredo dovrà percorrere nel futuro.

Un evento che non a caso attrae un sempre maggior numero di architetti, di arredatori di interni, di progettisti che sanno di poter trovare non solo soluzioni, ma stimoli, idee, provocazioni. Molte di queste nelle tantissime aree tematiche in cui è strutturato lo spazio fieristico: dai sempre più “coinvolgenti” argomenti della digitalizzazione alla sostenibilità, passando dalle oramai notissime “Piazze”, veri propri hub tematici che consentono di approfondire temi specifici, fra cui “Mobile Spaces” (padiglione 10.1), “Surfaces & Wood Design” (padiglione 6), “Disruptive Materials” (padiglione 4.2), “Digitalisation” (padiglione 3.2), “Digital Printing”, (sempre al padiglione 3.2) e “Tiny Spaces”, negli spazi del Boulevard Nord, fino ad arrivare ai padiglioni dedicati alle industrie degli imbottiti o agli ambiti nei quali per la prima volta quest’anno i riflettori erano puntati sul tema degli adesivi nell’industria del mobile.

Interzum si riconferma ancora una volta l’unico appuntamento irrinunciabile per il mercato internazionale. Una fiera che è diventata un vero e proprio “format” e che contribuisce a generare un crescente interesse per i saloni satellite di Interzum a Canton e a Bogotà. Una fiera che cresce e che potrebbe crescere ancora di più se ci fosse maggior spazio a disposizione, soprattutto per certi padiglioni, una realtà che i vertici di Koelnmesse stanno affrontando con la volontà di proporre nuove soluzioni, magari già dal 2021…

www.koelnmesse.it/interzum

I prossimi appuntamenti:

imm cologne, Colonia 13.01. – 19.01.2020

Zow, Bad Salzuflen 04.02. – 06.02.2020

interzum guangzhou, Guangzhou 28.03. – 31.03.2020

interzum bogotà, Bogotà 26.05. – 29.05.2020

orgatec, Colonia 27.10. – 31.10.2020

interzum, Colonia 04.05. – 07.05.2021