Oltre 800 partecipanti alla prima mostra convegno dedicata alle tecnologie del software per l’industria.

I sistemi informativi, motore della trasformazione digitale.

Inaugurata mercoledì 6 febbraio al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, la prima edizione di Forum Software Industriale ha registrato una grande partecipazione di pubblico con oltre 800 presenti. L’appuntamento organizzato da Messe Frankfurt Italia e promosso da ANIE Automazione Gruppo Software Industriale ha affermato il ruolo strategico dei sistemi informativi nella fabbrica intelligente e digitalizzata.

Durante la plenaria di apertura l’Università di Pisa, l’Università degli Studi di Firenze e la Scuola Superiore Universitaria Sant’Anna di Pisa hanno presentato, a beneficio delle piccole e medie imprese, un concreto modello di stima del ROI per un investimento in software industriale.

L’area espositiva con ventitré aziende ha fatto il punto sullo stato dell’arte del comparto, proponendo le soluzioni più innovative per smart manufacturing, virtual manufacturing e smart product, industrial cyber security, tematiche sviluppate nel corso delle tre sessioni tecnologiche.

Sessioni tecnologiche, la parola ai chairmen

Claudio Locatelli, Brembo “La prima sessione dedicata allo smart manufacturing ha dato l’opportunità agli esperti presenti di affrontare da diversi punti di vista l’argomento. Nell’evoluzione dei software industriali si è intravisto il cambiamento di paradigma della nuova fabbrica intelligente: al centro la volontà di affrontare il cambiamento dei modelli di consumo, della “customizzazione” e della flessibilità, con un occhio sempre attento al riutilizzo e alla salvaguardia dell’HW e SW installati. La formazione, l’evoluzione della forza lavoro e la cultura digitale sono cruciali per il raggiungimento di una nuova filosofia che deve passare, in primis, da una trasformazione delle persone e quindi dei processi, dei metodi e infine degli strumenti e delle nuove tecnologie di cui il software industriale gioca un ruolo cardine”. 

Ne hanno parlato: ABB, Oracle, Rockwell Automation, SDProget Industrial Software, VAR Group.

Paolo Frassine, GMP “Nella sessione pomeridiana dedicata allo smart manufacturing la prima relazione ha brillantemente focalizzato l’attenzione sull’importanza della consulenza per l’ottimizzazione del processo. Gli interventi successivi hanno dato risalto al ruolo che i dispositivi hardware hanno nel raccogliere, condizionare e memorizzare i dati generati dalla sensoristica a bordo macchina. Una presentazione ha richiamato l’attenzione sull’intelligenza artificiale come strumento per estrarre valore dalla mole di dati che cresce in maniera esponenziale. Infine, meritano una menzione speciale i contribuiti che hanno trattato il tema delle tecnologie software a supporto della digitalizzazione”.

Ne hanno parlato: Brick Reply, EFA Automazione, Hewlett Packard Enterprise, Siemens PLM Software insieme a Dab Pumps, Software AG – GN Techonomy, Techsol.

Antonio Giustino, Solvay Business Services “La sessione ha affrontato la delicata tematica dell’Industrial Cyber Security con interventi di esperti che hanno presentato con concretezza e professionalità le possibili attuali vulnerabilità agli attacchi cyber, ma anche e soprattutto la modalità con cui proteggere gli impianti produttivi con i loro componenti attraverso accorgimenti tecnologici rivolti alle architetture IT ed OT e con una appropriata organizzazione. L’avvio della sessione ha preso spunto dall’allarme per il cyberspionaggio lanciato dall’Osservatorio “Information Security” del Politecnico di Milano alla vigilia del Forum, in quanto è crescente il rischio che cyber criminali possano sequestrare impianti, linee produttive e quant’altro rientra nell’Internet delle cose oltre che minacciare le grandi infrastrutture critiche di luce, acqua, gas, telecomunicazioni, veicoli connessi e molto altro. E’ risultato evidente che l’attuale scarsa consapevolezza dei rischi cyber da parte di una PMI ogni due, non possa più essere ritenuta accettabile per continuare a sviluppare il business in modo responsabile”.

Ne hanno parlato: Clusit, Fortinet, Schneider Electric, ServiTecno – GE Digital Alliance Partner.

Riccardo Necchi, SIPA Zoppas Industries; Giovanni Virgilli, Carpigiani Group “La sessione focalizzata su virtual manufacturing e smart product ha affrontato il tema in modo ampio grazie alla qualità dei relatori che hanno spaziato tra i diversi argomenti in agenda. Sistemi e piattaforme tecnologiche complete per la simulazione, la prototipazione, lo sviluppo prodotto, la gestione della produzione e l’applicazione del Digital Twin nell’intero Lifecycle. Soluzioni complete per la raccolta, gestione e valorizzazione del dato sia per end-user che per gli OEM. Sono stati presentati diversi use case, soluzioni per l’ammodernamento degli impianti esistenti e indicazioni di come nella gestione di impianti occorra introdurre modelli di interazione B2C (chatbot, social, etc) per migliorare l’interazione uomo-macchina e rendere fruibili semplicemente dati e informazioni. Si è affrontato il problema della rapida obsolescenza delle tecnologie e la conseguente necessità di porre l’attenzione al processo di scelta. Sono stati infine oggetto di dibattito l’approccio alla introduzione delle piattaforme tecnologiche nelle PMI e l’importanza di avere una vision aziendale di medio-lungo termine come motore trainante delle “digital technology iniziatives”.

Ne hanno parlato: Altair, Dassault Systèmes, Eplan Software & Service, Lenze Italia, Beckhoff Automation, ESA Automation, PcVue.

Il Forum si è concluso con la tavola rotonda “Dalle smart machine agli smart product: quali scenari per infrastrutture e soluzioni”.

Ne hanno parlato: Industry4business, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Università di Firenze, WG Software Industriale di ANIE Automazione, Data Driven Innovation P4I.

Gli atti delle sessioni tecnologiche sono disponibili al sito: forumsoftwareindustriale.it

Industrial Software Award

È stato assegnato a Schneider Electric l’Industrial Software Award, riconoscimento per la miglior presentazione. Il contributo dal titolo “Cybersecurity e Safety Systems: un approccio olistico per la protezione di impianti e infrastrutture critiche” è stato selezionato dal comitato scientifico del forum composto da rappresentanti del mondo accademico, delle associazioni ed esponenti del mondo industriale. Menzioni speciali sono state conferite ai contributi di EFA Automazione per lo smart manufacturing, ServiTecno-GE Digital per l’Industrial Cyber Security, Beckhoff Automation per la tematica Virtual Manufacturing e smart product.

Messe Frankfurt Italia e ANIE Automazione: le dichiarazioni

Donald Wich, amministratore delegato Messe Frankfurt Italia “il riscontro positivo di Forum Software Industriale dimostra nelle aziende una crescente consapevolezza verso gli investimenti in tecnologia 4.0 considerati una necessità, non più una scelta. Siamo soddisfatti per questo evento che ha saputo offrire spunti fondamentali per consolidare la competitività del manifatturiero italiano”.

Fabrizio Scovenna, Presidente ANIE Automazione “Aver scelto come location per il nostro evento un luogo dedicato ad un innovatore come Leonardo da Vinci, non poteva dare miglior riscontro in termini di risultati e di soddisfazione. Il grande genio avrebbe apprezzato i temi trattati negli interventi e forse avrebbe anticipato la “digital transformation” già ai suoi tempi (!) Scherzi a parte, siamo molto soddisfatti di aver riunito in un luogo così prestigioso tante persone desiderose di ampliare le loro conoscenze sul software industriale, layer abilitante per l’implementazione della trasformazione digitale delle imprese. 

La speranza è di aver raggiunto l’obiettivo di contribuire ad ampliare la percezione del ruolo di abilitatore del software industriale, tecnologia complessa ed in rapida e continua evoluzione che si deve comprendere e utilizzare per affrontare la difficile sfida del contesto globale”.

Fabio Massimo Marchetti, Presidente WG Software Industriale di ANIE Automazione “La prima edizione del Forum è stata un effettivo successo grazie all’alto livello degli speakers e dei contenuti che sono stati espressi. L’elevatissima affluenza ha testimoniato come i temi della Industrial Digital Transformation siano al centro dell’attenzione delle imprese. E’ nostro compito come Working Group di ANIE aiutare queste imprese, anche attraverso l’organizzazione di questi momenti di incontro, permettendo loro di capire come sfruttare al meglio le tecnologie per iniziare o proseguire il percorso di digitalizzazione che oggi è assolutamente necessario per poter mantenere e sviluppare la competitività”.

Informazioni essenziali su Messe Frankfurt
Messe Frankfurt è il più grande operatore al mondo specializzato nell’organizzazione di fiere, congressi ed eventi dotato di un proprio polo fieristico. Con oltre 2.500* collaboratori dislocati in 30 sedi consegue un fatturato annuo di circa 715* milioni di euro. Messe Frankfurt ricorre a una profonda interconnessione con i vari settori e a una rete di distribuzione internazionale per servire in maniera efficiente gli interessi commerciali dei suoi clienti. Un’ampia gamma di servizi, onsite e online, garantisce ai clienti in tutto il mondo un livello di qualità costantemente elevato e flessibilità nella pianificazione, organizzazione e realizzazione della loro manifestazione. Il ventaglio di servizi offerti spazia dall’affitto del polo fieristico all’allestimento degli stand, dai servizi di marketing al personale e alla ristorazione. La sede principale della Società è a Francoforte sul Meno. Gli azionisti sono la Città di Francoforte, che detiene il 60 percento, e il Land Assia con il 40 percento.
Ulteriori informazioni sono disponibili ai siti: www.messefrankfurt.com
*cifre provvisorie 2018
ANIE Automazione con i suoi Gruppi rappresenta, sostiene e tutela le aziende operanti nei seguenti comparti: Automazione di processo, Azionamenti Elettrici, HMI IPC e SCADA, PLC e I/O distribuiti, Meccatronica, Misura e Controllo, Software industriale, Telecontrollo Supervisione e Automazione delle Reti, Telematica applicata a Traffico e Trasporti, UPS. ANIE Confindustria, con oltre 1.300 aziende associate e circa 468.000 occupati, rappresenta
il settore più strategico e avanzato tra i comparti industriali italiani, con un fatturato aggregato a fine 2017 di 78 miliardi di euro. Le aziende aderenti ad ANIE Confindustria investono in
Ricerca e Sviluppo il 4% del fatturato, rappresentando più del 30% dell’intero investimento in R&S effettuato dal settore privato in Italia. Ulteriori informazioni sono disponibili sui siti: www.anie.itwww.anieautomazione.it