Besana Carpet Lab presenta Planetario, un progetto concepito e realizzato da Cristina Celestino, che sottolinea con forza l’identità e le speciali caratteristiche della moquette.

Planetario è un inno al glorioso passato della moquette ma con una direzione che guarda al futuro. Uno scenografico allestimento retrofuturistico accoglie il visitatore: un ambiente domestico onirico, ispirato ai temi dello spazio e della sua antitesi, il mondo sottomarino, i cui elementi si ritrovano nell’inedita collezione disegnata dalla designer.

La visione di una nuova era per questo tessuto e le inaspettate applicazioni hanno permesso alla progettista, nota per la sua naturale inclinazione a trasformare e interpretare i materiali, di indagare sull’uso di questo prezioso tessuto nei suoi periodi di massimo splendore, gli anni 60-70, e prendere ispirazione dai sofisticati interni di Nanda Vigo, Willy Rizzo e Joe Colombo.

“Oggi abbiamo raggiunto e superato quel futuro immaginato negli anni 60 – ma abbiamo ben presente l’eredità visiva di quegli interni e di quel passato. Ho quindi proiettato i valori e le identita’ di quelle atmosfere calandole in un interno dove le tre dimensioni temporali dialogano con un nuovo equilibrio.” Cristina Celestino

Una rilettura contemporanea che mostra la moquette come materiale tessile, versatile, concreto e ricco che, grazie alla quarantennale esperienza e alla capacità di Besana, diventa un elemento customizzabile e protagonista di progetti di interior contemporanei.

“Siamo davvero contenti di potervi presentare oggi questo progetto – commenta Andrea Besana, direttore marketing – Un orgoglio che viene dal profondo, volevamo rendere questo tessuto di nuovo protagonista, renderlo contemporaneo e fruibile per le necessità sempre diverse dei progettisti. Oggi la moquette ha delle particolari caratteristiche che la rendono particolarmente adatta a tutti gli ambienti” 

L’icona del materiale prende vita ed interagisce con le sculture luminose di Esperia, marchio storico, parte dell’eccellenza italiana, che negli anni 60-70 in collaborazione con Angelo Brotto, ha prodotto un’illuminazione ispirata da una visione ottimista del futuro e “proiettata nel futuro” in bilico tra arte e design.

IL PERCORSO

L’allusione al tema dell’abitare, raffinato e accurato, si sviluppa in un interno fluido che presenta diversi ambienti arricchiti da arredi ridotti al minimo, tutti rivestiti di moquette e lampade Esperia, storiche e nuove, queste ultime disegnate da Cristina Celestino.

La stanza che accoglie, con finiture metalliche declinate nei toni dell’acciaio, è un ambiente unico cucina/living che vede come protagonista la moquette a bande diagonali, modellata dalla presenza di un divano circolare anch’esso rivestito illuminato dalla iconica lampada giraffa di Esperia. La color palette va dai toni del bordeaux al verde acquamarina, ottanio.

Proseguendo nel secondo ambiente, le cui finiture metalliche sono nei toni dell’ottone, troviamo una moquette stampata a parete, come se fosse un arazzo e il tavolo, anch’esso, ricoperto alla base da moquette stampata su fondo grigio che riprende i colori grigio/blu oltremare della stanza.

La terza stanza, la camera da letto, ha toni soft, che ritroviamo nella pavimentazione e nel letto a baldacchino, rivestiti con la nuova moquette stampata pensata da Cristina; sulla boiserie è applicata invece una moquette tinta unita bianco panna.

Il corridoio, che simboleggia il viaggio, presenta moquette a soffitto, quasi a indicare un mondo parallelo, sottomarino e quasar nelle nicchie ad illuminare il passaggio.

L’ultimo ambiente, il bagno, rivisita i colori tipici degli anni 70, blu e arancio che troviamo nella moquette a pelo lungo che sale in altezza sulle pareti.

LA COLLEZIONE

La nuova collezione Nebula, disegnata da Cristina Celestino per Besana Carpet Lab, evoca una flora immaginaria, un miraggio velato e sfocato tra cosmo e abissi. Una visione quasi onirica in cui la natura fantastica vive sommersa in un ambiente acquatico e profondo.

La designer crea così un immaginario surreale che prende inspirazione e mescola grafiche che provengono da tavole botaniche con un mondo interstellare, che richiama vecchi film di fantascienza, come ad esempio Solaris di Tarkovsky. Besana Carpet Lab studia per Nebula una stampa digitale che mette in risalto i vivaci colori delle grafiche su più livelli, su una moquette morbida e folta che acquisisce un inaspettato effetto cangiante.

www.besanamoquette.com