Il 3 dicembre 2018, al Teatro Dal Verme, Assopannelli, l’associazione di Federlegno-Arredo che raccoglie i produttori di pannelli a base legno, ha puntato i riflettori sul tema della pioppicoltura, proseguendo nella politica di attenzione, a livello di Federazione, per tutte le declinazioni del settore legno.

Le filiere basate sull’impiego del legno di pioppo e dei suoi derivati rappresentano un punto di forza dell’Italia agricola e assieme industriale ben riconosciuta a livello internazionale. In Italia il contributo della pioppicoltura è stato estremamente importante per la sviluppo di diversi comparti economici e produttivi, primo fra tutti quello dei pannelli a base legno, senza dimenticare il fondamentale comparto del legno. La materia prima fornita è sempre stata di alta qualità, grazie anche a un’intensa attività di selezione clonale e di divulgazione di razionali tecniche colturali.

Si rileva in questi ultimissimi anni un rinnovato interesse verso la pioppicoltura, segnale di una ripresa della produzione industriale principalmente nel comparto dei pannelli, anche sotto la spinta dell’Accordo interregionale per lo sviluppo della pioppicoltura stipulato a Venezia nel 2014. In questa prospettiva, il convegno di Milano si propone come un momento di verifica delle condizioni attuali della filiera, a partire dalla quantificazione delle superfici interessate da questa coltura e dalle opportunità collegate, anche nella prospettiva della futura programmazione dello sviluppo delle aree rurali.