Nel primo semestre 2019 rallentamento nei volumi con tenuta dei margini. Seconda parte dell’anno più incerta, comunque positiva ma inferiore al 2018

Fatturato consolidato a 1.211 milioni di euro (+ 6%), EBITDA a 185 milioni (+16%) eutile di esercizio al netto di ammortamenti e svalutazioni a 97 milioni (+19%): questi sono i principali numeri del 2018 per RadiciGroup che opera con 3100 dipendenti in 16 Paesi nei business della chimica, dei tecnopolimeri e delle fibre sintetiche.

«E’ stato un anno eccezionale – ha detto Angelo Radici, Presidente di RadiciGroup – che ci ha fatto chiudere il 2018 con numeri da record per il Gruppo. Anche se nell’ultima parte dell’anno abbiamo avvertito i primi rallentamenti che si stanno prolungando nel 2019. In ogni caso penso di poter affermare che riusciremo ad avere una semestrale con margini stabili nonostante la contrazione dei volumi. Per quanto riguarda la seconda partedell’anno in corso sarà un po’ più difficile ma comunque in un’ottica di risultati positivi, anche se sicuramente inferiori al 2018. Lo scenario globale in cui oggi operano le aziende è influenzato dalle incertezze legate alla questione dei dazi Cina-USA e all’instabilitàgeopolitica. Per noi pesa molto anche la contrazione del mercato automobilistico cui stiamo cercando di far fronte con grossi sforzi in termini di ricerca e innovazione volta ad ampliare il portafoglio prodotti anche con materiali a ridotto impatto ambientale e a creare nuove opportunità di mercato sempre più attente alla sostenibilità delle aziende».

In questo contesto il Gruppo continua a perseguire la propria strategia di focalizzazione nei core business considerati strategici, quali la chimica del nylon, i tecnopolimeri e le fibre sintetiche, anche da fonte rinnovabile. L’obiettivo è quello di migliorare laposizione competitiva sul mercato raggiungendo un sostanziale equilibrio fra le aree geografiche in cui opera, con lo scopo di essere meno dipendente dall’andamento deisingoli mercati.

E Alessandro Manzoni, CFO di RadiciGroup ha commentato: «La nostra posizione finanziaria netta in miglioramento rispetto al 2017 così come tutti i ratio patrimoniali, i rapporti di reciproca fiducia con gli istituti finanziari e una situazione patrimoniale di assoluta solidità ci mettono nelle condizioni di essere pronti per eventuali opportunità di crescita senza dover necessariamente ricorrere a interventi di capitali esterni. Nel 2018 –aggiunge Manzoni – abbiamo fatto investimenti per oltre 50 milioni di euro e altrettantisaranno nel 2019 con l’obiettivo di mantenere elevati livelli di eccellenza tecnologica al servizio della competitività delle aziende e dell’ambiente».

Insieme all’andamento positivo del Gruppo, è importante sottolineare che i profitti e la solidità economico-finanziaria sono perseguiti nel rispetto dell’ambiente e delle suerisorse. Nel 2018 il valore aggiunto globale netto (la capacità di un’azienda di produrrericchezza per tutti i suoi stakeholder, v. grafico) è ancora in crescita, attestandosi a 280 milioni di euro (258 nel 2017): e a questo valore corrisponde una diminuzione nell’usodelle risorse come energia e acqua, nonché una riduzione nella produzione di rifiuti ed emissioni.

Nel Bilancio di Sostenibilità in corso di redazione secondo il modello GRI Standards – Core Option verranno messi in relazione tutti questi dati per poter fornire una rendicontazione precisa e certificata degli aspetti economici, sociali ed ambientali legati a tutte le aziende di RadiciGroup delle varie aree di business che, nel 2018, hanno registrato i seguenti fatturati aggregati in milioni di euro:

  • Specialty Chemicals 471 (nel 2017: 439)
  •  High Performance Polymers 406 (nel 2017: 360)
  •  Synthetic Fibres and Nonwovens 444 (nel 2017: 451)
  • Altri Business 10 (nel 2017: 10)

    www.radicigroup.com