Il sole è una fonte di radiazioni IR responsabili del riscaldamento per irraggiamento. Le radiazioni solari presentano un ampio spettro di lunghezze d’onda distribuite nel cosiddetto spettro del visibile, nella zona UV (Ultra Violetto) con un contenuto di energia più alto e lunghezze d’onda inferiori, e nella zona del vicino infrarosso (NIR – Near Infra Red) e infrarosso (IR), con contenuto energetico inferiore e lunghezze d’onda superiori. Queste ultime due sono anche responsabili dell’aumento di temperatura di tutto ciò che è esposto alla luce solare. L’aumento di temperatura di un oggetto esposto alla luce solare è dovuto a parametri correlati alla capacità di riflettere la luce e assorbire più o meno energia ed alla capacità di rilasciare calore nell’ambiente (la cosiddetta conduttività).

L’ accumulo di calore (HBU, dall’inglese Heat Build-Up) è una misura di quanto l’oggetto tenda ad aumentare la propria temperatura quando esposto al sole. L’HBU non è influenzato solo dalle caratteristiche intrinseche di un oggetto, ma anche dall’ambiente stesso, specialmente dalla temperatura dell’ambiente e dalla ventilazione. Quando prendiamo in considerazione un pigmento o una vernice pigmentata, la riflettività nella parte visibile dello spettro è peculiare perché è responsabile della percezione del colore da parte dell’occhio umano. In generale un oggetto di colore chiaro riflette più energia rispetto ad uno di colore scuro, quindi l’oggetto più chiaro assorbe meno energia, con conseguente minor incremento di temperatura dovuto all’esposizione al sole. La radiazione nelle zone IR e NIR non influenza il colore bensì l’HBU e di conseguenza la temperatura. La formulazione di vernici con minore HBU è possibile tramite l’uso di pigmenti che mostrano la stessa capacità di riflettere (riflettività) nella zona del visibile, e che al contempo hanno maggiore riflettività nelle zone NIR/IR. Questo significa scegliere pigmenti IR-riflettenti. 

Sulla base di questo concetto Sayerlack ha sviluppato le paste pigmentate della serie XA3000/XX con pigmenti IR-riflettenti. Queste paste sono state formulate per tutte le applicazioni all’esterno: cladding, decking, serramenti, tetti, ecc.. L’obiettivo è quello di proteggere sia il film di vernice sia il substrato verniciato. Il legno ed il PVC infatti hanno una minore capacità di rilasciare calore nell’ambiente a causa della minore conducibilità termica e quindi l’HBU è maggiore rispetto ad altri materiali. L’accumulo di calore (HBU), a causa dell’assorbimento di energia è nel tempo responsabile del degradamento della vernice, ma anche del substrato.

La gamma XA3000/XX consiste di 4 paste monopigmento all’acqua: XA3000/06 blu, XA3000/42 verde, XA3000/69 arancio e XA3000/72 nero. I pigmenti utilizzati per queste paste sono inorganici: questo rende le paste XA3000/XX le più resistenti alla luce ed agli agenti atmosferici possibili. I test QUV e alla ruota di Gardner hanno confermato i risultati positivi attesi. Se usate in combinazione con le paste all’acqua standard XA2006/XX è possibile ricreare qualsiasi colore, apportando comunque una sensibile diminuzione di HBU.

Dal 1866, Sherwin-Williams fornisce ai produttori e ai verniciatori le vernici di cui necessitano per conferire ai loro manufatti il migliore aspetto e la vita più lunga, aiutandoli a raggiungere i loro obiettivi produttivi e di sostenibilità. L’impegno per l’innovazione, la forza tecnologica, la ricerca e lo sviluppo, combinati con la nostra capacità di ascoltare le esigenze dei clienti, rendono Sherwin- Williams il punto di riferimento per le vernici industriali per legno, vetro, metallo e plastica. Nel 2010 The Sherwin-Williams Company ha acquisito i riconosciuti marchi internazionali Sayerlack e Becker Acroma, creando un leader globale nel settore delle vernici per legno. Oggi The Sherwin-Williams Company, che impiega più di 45.000 persone, è la più grande società produttrice di vernici negli Stati Uniti e la terza più grande di tutto il mondo. In Italia, Sherwin-Williams sviluppa, produce e distribuisce prodotti a più di 40.000 clienti in 80 paesi attraverso i marchi Sayerlack, Linea Blu, OECE e Sherwin-Williams. Da più di 60 anni, il marchio Sayerlack è sinonimo di soluzioni innovative per il trattamento e la finitura del legno. I prodotti Sayerlack si distinguono per la forte tradizione unita all’impegno per l’innovazione. Nel 1988, Sayerlack è stata la prima azienda in Italia a produrre vernici per legno a base acquosa. Oggi, Sayerlack continua a cercare di soddisfare le mutevoli esigenze di compatibilità ambientale, prestazioni e innovazione dei propri clienti. I prodotti Sayerlack sono in grado di soddisfare le esigenze di tutti i settori esistenti nel campo del legno – dai mobili alla carpenteria, dalle strutture esterne ai mobili da giardino, dai cantieri navali all’edilizia, dagli interni delle auto agli strumenti musicali. Inoltre, lo spirito Sayerlack di innovazione italiana si sta espandendo, includendo vernici per vetro, metallo e plastica.
Per ulteriori informazioni su Sayerlack, visitate il sito internet www.sayerlack.it o seguite @SayerlackWorld su Twitter.